venerdì, 19 Aprile , 24

Riviera Film Festival, Ambra e Martina Stella tra i protagonisti

Dal 7 maggio a Sestri Levante Nicolas...

Fmi: in Europa atterraggio morbido raggiungibile ma sfide non facili

Preservare crescita duratura e stabilità dei prezzi...

Aborto,Pro life: Commissione Ue vittima fake news sinistra italiana

Il sostegno alla maternità fa parte del...

Il Rosa “colore incerto”, conferenza al Museo Chagall di Nizza

AttualitàIl Rosa "colore incerto", conferenza al Museo Chagall di Nizza

Martedì 9 aprile alle ore 19

Milano, 7 apr. (askanews) – Martedì 9 aprile 2024 alle ore 19 il Museo nazionale Marc Chagall in Costa Azzurra (Nizza, Francia) ospiterà una conferenza dello storico dei colori Michel Pastoreau dal titolo “Rosa: storia di un colore incerto”.

Anche se presente in natura, il rosa – spiega Pastoreau – è stato prodotto dagli esseri umani solo molto tardi, sia sotto forma di vernici che di tinture. In Europa, prima del XIV secolo, era raro nella cultura e nella creazione artistica. Divenne più comune nell’abbigliamento alla fine del Medioevo grazie all’utilizzo di una tintura importata dall’India e poi dal Nuovo Mondo: il legno del Brasile. La sua popolarità raggiunse l’apice nel XVIII secolo, quando divenne romantico e femminile, simbolo di dolcezza, piacere e felicità. Allo stesso tempo, gli orticoltori riuscirono a creare delle rose rosa: furono così popolari che il fiore finì per dare il nome a questo colore che fino ad allora non ne aveva avuto uno.

Oggi il rosa è meno presente nella vita di tutti i giorni rispetto all’epoca romantica. È anche fortemente ambivalente: alcuni nostri contemporanei lo trovano troppo appariscente o di cattivo gusto, soprattutto se usato da solo, mentre altri lo ammirano e ne fanno un colore emblematico della modernità.

Michel Pastoureau è nato nel 1947 a Parigi, dove si è immerso nella cultura dei surrealisti di cui suo padre era membro. Appassionato di storia e di latino, ha studiato all’Ecole nationale des chartes. Lì difese una tesi sul bestiario araldico nel Medioevo. Storico, archivista-paleografo, è curatore presso la Biblioteca Nazionale francese (1972-1983), presso il Gabinetto delle Medaglie (1975-1983) e direttore degli studi presso l’École Pratique des Hautes Etudes (EPHE), dove lavora dal 1983 presso la cattedra di storia del simbolismo occidentale. È membro dell’Accademia Internazionale di Araldica, presidente della Società Francese di Araldica e Sigillografia (2008-2017) e insegna regolarmente all’École du Louvre.

Pastoureau ha pubblicato una quarantina di opere, alcune delle quali tradotte in diverse lingue, e dal 2000 sono dedicate alla storia dei colori, degli animali e dei simboli in Europa , dall’antichità ai giorni nostri. Le sue opere principali ruotano attorno al tema “Storia di un colore”: Blu (2000), Nero (2008), Verde (2013), Rosso (2016) e Giallo (2019).

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles