Violenza donne, Valditara: educare ragazzi a scuola a cultura del rispetto

Appena Pubblicati

Le prime pagine dei quotidiani di Martedì 6 Dicembre 2022

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE...

La società di Musk Neuralink sotto indagine per test su animali

Il miliardario avrebbe insistito per accelerare gli esperimenti Roma, 6 dic. (askanews) - Neuralink, società del miliardario Elon Musk specializzata...

Commercialisti, occorre puntare sui sistemi alternativi di risoluzione delle controversie

Focus di approfondimento dell’Odcec Napoli e di Medì mercoledì 7 dicembre alle ore 15,30 a Piazza dei Martiri, 30...

E’ anche quella silenziosa che si perpetra in casa e al lavoro

Milano, 24 nov. (askanews) – “Oggi e domani la facciata del ministero dell’Istruzione e del merito sarà dipinta di rosso. Domani è infatti la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Perché abbiamo deciso di dipingere di rosso questa facciata? Perché rappresenta il sangue, rappresenta la violenza, rappresenta le umiliazioni che tante donne hanno subito e continuano a subire. Noi dobbiamo essere consapevoli che occorre difendere la dignità della persona umana, di ogni persona umana. E dobbiamo iniziare dalle scuole. Dobbiamo educare i ragazzi alla cultura del rispetto”. È quanto dichiara il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara nel videomessaggio pubblicato sul sito e sui canali social del ministero, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che viene celebrata il 25 novembre.

“Questa violenza, questa violenza contro le donne – rimarca in ministro – non è soltanto quella che va sui giornali, che ci indigna quotidianamente, non è quella che si manifesta nemmeno nelle aule dei tribunali, ma è anche quella violenza subdola, quella violenza silenziosa che in tante case, in tanti luoghi di lavoro si continua a perpetrare. E allora dobbiamo dare un segnale forte ai nostri giovani, dobbiamo educarli all’amicizia, al volersi bene, a rispettarsi, alla cultura del rispetto perché non ci sia discriminazione. Non ci sia discriminazione di genere e soprattutto si bandisca la cultura della violenza. Perché ogni atto che discrimina una donna manifesta violenza e prepotenza”. “Ripartiamo dalle scuole – conclude – per costruire una vera, grande civiltà della solidarietà, del rispetto e dell’amicizia”.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA

La società di Musk Neuralink sotto indagine per test su animali

Il miliardario avrebbe insistito per accelerare gli esperimenti Roma, 6 dic. (askanews) - Neuralink, società del miliardario Elon Musk specializzata nella produzione di apparecchiature mediche...

Gentiloni: serve Fondo sovrano Ue, debito comune come lo “Sure”

Dopo annuncio Von der Leyen "proposte nelle prossime settimane" Bruxelles, 5 dic. (askanews) - Il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, è tornato a parlare della...

Potrebbe interessarti anche...