mercoledì, 17 Aprile , 24

Gli occhi delle donne dal carcere: la Santa Sede in Biennale

Alla casa circondariale in Giudecca il progetto...

G7 a Capri verso sanzioni a Iran e sistemi difesa aerea a Kiev

Piena sintonia Italia-Usa. Tajani: Teheran non può...

Da Vinitaly un’iniezione di fiducia per l’intero settore del vino

Malgrado il momento complesso, espositori, operatori e...

Mattarella plaude ad accordo Ue migranti, ora “scelte su competitività”

Capo dello Stato a Sofia esprime preoccupazione...

Ucraina, Tajani: Macron? Noi non siamo in guerra con i russi

Video newsUcraina, Tajani: Macron? Noi non siamo in guerra con i russi

Sosteniamo Kiev, ma no a invio truppe; Nato decide all’unanimità

Bruxelles, 18 mar. (askanews) – Il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, ha ribadito oggi a Bruxelles, parlando con la stampa a margine della riunione del Consiglio Ue, la sua posizione critica riguardo alle affermazioni del presidente francese Emmanuel Macron, secondo cui gli europei e la Nato dovrebbero essere pronti anche a intervenire militarmente, se sarà necessario, al fianco dell’Ucraina contro l’aggressione russa.”L’ho ribadito anche oggi durante l’incontro con Antony Blinken”, il segretario di Stato americano, che ha partecipato alla riunione del Consiglio Ue in videoconferenza. “La posizione dell’Italia è molto chiara: le decisioni della Nato – ha detto Tajani – vengono prese da tutti i paesi della Nato; non c’è un paese o un gruppo di paesi che decide per gli altri. Noi siamo grandi sostenitori dell’Ucraina. E siamo pronti a fare ancora di più, sia per quanto riguarda gli aspetti finanziari, sia per quanto riguarda gli aspetti della ricostruzione, sia per quanto riguarda anche l’invio di materiale”.”Però, tra questo e dire che mandiamo le truppe a combattere contro i russi – ha sottolineato il ministro degli Esteri – c’è una bella differenza”.”Non credo – ha continuato Tajani – che sia un buon messaggio: noi dobbiamo lavorare per la pace cercando di fare in modo che l’Ucraina possa resistere e non essere sconfitta dai russi. Perché soltanto quando c’è equilibrio tra le parti ci si può sedere ad un tavolo della pace. Questo è il nostro obiettivo: sostenere l’Ucraina. Ma non siamo in guerra con la Russia. Noi stiamo difendendo” l’Ucraina. “E’ una cosa ben diversa difendere il diritto internazionale, difendere l’indipendenza dell’Ucraina, dal fare guerra alla Russia. Lo abbiamo sempre detto e continuiamo a ripeterlo”.”Credo che l’Europa debba parlare unita e non divisa. Non voglio fare polemiche con nessuno – ha aggiunto il ministro, con implicito riferimento alla riunione del ‘Triangolo di Weimar’ dei dirigenti di Francia, Germania e Polonia dei giorni scorsi -, però credo che a Putin si debba dare un messaggio di forza essendo uniti e avendo sempre delle posizioni comuni”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles