lunedì, 17 Giugno , 24

Sudcorea, continua saga divorzio d’oro SK: andrà in Corte suprema

AttualitàSudcorea, continua saga divorzio d'oro SK: andrà in Corte suprema

Chey non si rassegna e presenterà appello
Roma, 17 giu. (askanews) – Il presidente del conglomerato sudcoreano industriale SK, Chey Tae-won, ha dichiarato di aver deciso di presentare appello alla Corte Suprema contro la sentenza di divorzio da record, che rischia di far evaporare il suo controllo sul gigante delle telecomunicazioni e dell’energia, a causa di un “errore critico” nel calcolo del contributo della sua ex moglie alla crescita del gruppo. Lo sostiene oggi l’agenzia di stampa Yonhap.
Il divorzio di Chey con Ro So-young potrebbe essere quello del secolo per la Corea del Sud. Il mese scorso, un tribunale d’appello ha ordinato a Chey di pagare 1.380 miliardi di won (quasi un miliardo di euro) come divisione dei beni alla sua ex moglie, che è anche l’unica figlia dell’ex presidente Roh Tae-woo. La coppia si era sposata nel 1988 e ha tre figli.
Il tribunale ha determinato che il patrimonio complessivo di Chey e Roh è di 4mila miliardi di won, con una percentuale di divisione del 65% per Chey e del 35% per Roh. Il tribunale ha ordinato a Chey di pagare la somma in contanti.
“Riconosco che dobbiamo rispettare la decisione giudiziaria, ma ho deciso di fare appello perché ci sono alcune ragioni,” ha detto Chey in una conferenza stampa. “C’è un errore oggettivo e chiaro nel calcolo della divisione dei beni.”
Ha detto che l’errore è “critico” poiché riguarda la possibilità che anche le azioni siano soggette alla divisione dei beni e sul loro valore.
“La sentenza ha minato la reputazione e l’orgoglio di tutti i membri del gruppo SK, oltre che il mio,” ha inoltre sostenuto Chey.
Il gruppo SK ha affermato che il calcolo del tribunale delle azioni di Korea Telecom, il predecessore di SK C&C, ora rinominato SK Inc., la holding del gruppo, è errato, perché gonfierebbe i valori patrimoniali della società prima e dopo che Chey l’avesse ereditata.
Chey ha usato il denaro di suo padre per acquistare 700.000 azioni di Korea Telecom nel 1994 come parte del piano di transizione del potere del gruppo.
Il tribunale ha stabilito il valore delle azioni di Korea Telecom a 8 won nel 1994 e 100 won nel 1998, quando suo padre è morto; 35.650 won nel 2009, quando SK C&C è stata quotata in borsa, attribuendo un aumento di 355 volte del valore di mercato ai contributi di Chey, ma anche di Roh.
Tuttavia, il gruppo SK ha sostenuto che il valore nel 1998 dovrebbe essere di 1.000 won, considerando due frazionamenti azionari rispettivamente nel 2007 e nel 2009, e che il valore delle azioni di SK C&C è aumentato solo di 35,5 volte nel periodo di nove anni. Ha inoltre sostenuto che il tribunale d’appello ha sottostimato la parte dell’eredità di Chey e ha sovrastimato il suo ruolo successivo basato sui risultati errati, che hanno anche influenzato il rapporto di divisione.
Accettando il punto di vista di Chey, l’Alta Corte di Seoul ha deciso più tardi nella giornata di rivedere la sua sentenza scritta sul caso per correggere il prezzo in questione da 100 won a 1.000 won, ma ha dichiarato che l’importo per la divisione dei beni rimarrà invariato, hanno detto fonti.
“Mi scuso per il disagio che la mia questione personale ha causato al popolo coreano,” ha detto inoltre Chey, in quello che è il suo primo intervento in relazione alla vicenda del divorzio. “Ho pensato – ha contunuato – che fosse giusto scusarmi di persona.”

Se l’importo ordinato fosse diviso nei termini fissati dal tribunale d’appello, potrebbe scuotere la governance del gruppo SK, il secondo più grande conglomerato della Corea, che controlla SK Telecom Co., SK Innovation Co. e SK Square Co. e diverse altre compagnie,
Chey è il maggiore azionista di SK, detenendo il 17,73%, per un valore di 2.200 miliardi di won (1,5 miliardi di euro), attraverso il quale controlla altre affiliate del gruppo SK.
Dal canto suo, l’avvocato di Roh ha detto che la sentenza del tribunale d’appello era basata sull’enorme aumento del valore delle azioni di SK C&C e ha aggiunto che la rivendicazione del gruppo SK sembra aver disturbato le future decisioni giudiziarie.
“Nonostante le affermazioni del querelante, il fatto che il valore delle azioni di SK C&C sia aumentato enormemente non può essere negato, e la conclusione non sarà disturbata,” ha detto Lee Sang-won dello studio legale Pyeong An in una dichiarazione. “È molto deplorevole – ha continuato – che stiano cercando di interferire con il giudizio della giustizia esagerando questioni triviali”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles