martedì, 5 Marzo , 24

Ue, cosa prevede l’accordo in trilogo sul regolamento imballaggi

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti...

Calcio, Sarri: “Niente è impossibile, serve coraggio”

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma,...

Regolamento sugli imballaggi, c’è l’accordo tra le istituzioni Ue

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve...

Metà italiani insoddisfatti della vita in casa, preoccupa quadro economico

Home report Ikea: tecnologia e sostenibilità vie...

Spazi da non perdere, A Trebisacce parco progettato dai ragazzi

Video newsSpazi da non perdere, A Trebisacce parco progettato dai ragazzi

Si chiama “Tutti Inclusi, Nessuno Escluso”

Roma, 13 dic. (askanews) – È stato inaugurato a Trebisacce, in provincia di Cosenza, il parco pubblico “Tutti Inclusi, Nessuno Escluso”, ideato e progettato da alcuni ragazzi e ragazze del polo Liceale “G. Galilei” e l’IPSIA “E. Aletti”. Un’iniziativa del progetto Ripartire, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e promosso da ActionAid.Durante l’anno scolastico 2022/2023, gli studenti hanno co-progettato insieme ad alcune associazioni e al Comune di Trebisacce un luogo che potesse rispondere alle proprie esigenze d’incontro, condivisione e riposo. Un luogo che fosse aperto e inclusivo ad ogni diversità.Gli studenti, stimolati dagli educatori dell’associazione “Passaggi”, al termine di un percorso di discussioni, sopralluoghi, riunioni anche con i tecnici e gli amministratori del Comune, hanno creato le condizioni affinché la comunità jonica potesse disporre del parco pubblico “Tutti Inclusi, Nessuno Escluso”. Il progetto Ripartire, sigla che significa RIgenerare la PARTecipazione per Innovare la Rete Educante, ha messo a disposizione della comunità di Trebisacce un budget di 10mila euro impiegati per l’acquisto di materiali d’arredo. Nei pressi dell’area verde vicino all’anfiteatro sul lungomare della città sono stati installati: il gazebo, un tavolo con panchine, una casetta prefabbricata per la custodia e lo scambio dei libri, una bacheca e una stazione alimentata da luce solare con prese USB per le ricariche dei dispositivi informatici. I due cestini per la raccolta dei rifiuti sono stati donati da ECOROSS.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles