Palazzo Mattei illuminato di arancione contro la violenza sulle donne

Appena Pubblicati

Perché l’Atalanta può vincere lo scudetto

Tra certezze in campo, rivali e ritmo: l'Atalanta adesso sogna in grande, lo scudetto è possibile continua a leggere...

Regioni: “Obbligo mascherine in occasione di assembramenti”

Di Ugo Cataluddi e Marta Tartarini ROMA – “L'utilizzo di mascherine (mascherina chirurgica o dispositivo che conferisce superiore protezione come...

Berlusconi prepara il videomessaggio, Veltroni si scalda a bordo campo

ROMA – L'unica che con tenacia insiste, insiste e non molla, è la capa di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni:...

AGI – Anche quest’anno Eni aderisce a “Orange the World” la campagna delle Nazioni Unite, che prende il via oggi in occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne per arrivare al 10 dicembre, anniversario della dichiarazione universale dei diritti umani.

Eni conferma così il proprio impegno per la promozione dell’uguaglianza di genere e per la lotta contro ogni forma di discriminazione e maltrattamento, sottolineando come la violenza contro le donne sia una delle più pervasive violazioni dei diritti umani a livello globale.

Il tema di quest’anno “End violence against women now!” evidenzia l’urgenza nel trovare soluzioni concrete per il superamento di questa grave situazione, che a livello mondiale ha ormai le dimensioni di una vera e propria crisi umanitaria. Il colore arancione sarà il filo conduttore che unirà le iniziative a livello mondiale.

Questa sera dalle ore 21 alle 24, Palazzo Mattei, storica sede Eni nel cuore dell’Eur a Roma, come altre sedi sul territorio, si colorerà di arancione con un tulipano origami che formerà la scritta “#ioConLei”: un “io” collettivo per testimoniare la vicinanza alle donne vittime di violenza e sensibilizzare l’attenzione pubblica su una tematica fondamentale acuitasi in questo ultimo periodo a causa della pandemia, delle guerre, delle crisi umanitarie, della disoccupazione e della povertà, inasprendo ancora di più la disuguaglianza di genere.

Inoltre Eni dedicherà ampio spazio sul proprio sito eni.com e sulla intranet aziendale MyEni, saranno promosse tante iniziative di comunicazione interna per sensibilizzare tutti i dipendenti di Eni nel mondo che diventano protagonisti e testimoni di #IoConLei per dire insieme stop alla violenza sulle donne.

L’azienda metterà a disposizione dei suoi dipendenti un servizio di consulenza, gratuito e confidenziale, attivo 7 giorni su 7, 24 ore su 24 per le persone vittime di violenza o di molestie di genere. Sono come sempre previste azioni di formazione dei dipendenti con corsi sui diritti umani, sulla parità di genere e contro le molestie.

Eni è attivamente impegnata nella promozione della parita’ di genere per raggiungere l’uguaglianza e l’empowerment (maggiore forza, autostima e consapevolezza) di tutte le donne e le ragazze, una priorità in linea con l’obiettivo di sviluppo sostenibile SDG5 dell’Agenda 2030, che la società ha inserito nella sua mission aziendale e che rappresenta in maniera più esplicita il cammino che l’azienda ha intrapreso per rispondere alle sfide universali, contribuendo al raggiungimento degli Obiettivi che l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha fissato al fine di indirizzare chiaramente le azioni che tutti gli attori devono intraprendere.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA

Perché l’Atalanta può vincere lo scudetto

Tra certezze in campo, rivali e ritmo: l'Atalanta adesso sogna in grande, lo scudetto è possibile continua a leggere...

Regioni: “Obbligo mascherine in occasione di assembramenti”

Di Ugo Cataluddi e Marta Tartarini ROMA – “L'utilizzo di mascherine (mascherina chirurgica o dispositivo che conferisce superiore protezione come gli FFP2) a protezione delle...

Gol e gioco di squadra: perché Dzeko ha fatto dimenticare Lukaku

Dai numeri fino al gioco corale: ecco come Edin Dzeko ha fatto dimenticare Lukaku all'Inter continua a leggere sul sito di riferimento

Tg Politico Parlamentare, edizione del 2 dicembre 2021

COVID, LA GERMANIA ELOGIA L'ITALIA “Mi sentirei meglio se fossimo in una situazione come quella italiana”. La cancelliera Angela Merkel lancia l'allarme Covid in...

Potrebbe interessarti anche...