venerdì, 19 Aprile , 24

Vino, Consorzio Cirò e Melissa: Vinitaly piazza dinamica e vivace

Librandi: grande interesse per nostri vini. A...

Fmi: in Italia incentivi fiscali inefficienti, come il Superbonus

Kammer: chiudere “scappatoie” nel fisco che limitano...

Il gruppo Bracco avvia le attività in Giappone

Operatività diretta come produttore e distributore di...

Esce “È la verità” di Bloom, band alternative rock con Giusy Ferreri

Nuovo progetto con Max Zanotti, Roberta Raschellà...

Mosca: i musulmani preghino a casa per la fine del Ramadan

AttualitàMosca: i musulmani preghino a casa per la fine del Ramadan

Per l’Eid al Fitr in passato celebrazioni in sei luoghi della capitale

Milano, 3 apr. (askanews) – Le autorità di Mosca hanno raccomandato ai musulmani di “pregare a casa” per l’Eid al Fitr, la festa che pone fine al mese di digiuno del Ramadan. È il Dipartimento per le politiche nazionali e le relazioni interregionali della città ha inviato una lettera ai prefetti della capitale, chiedendo ai musulmani di essere informati sulle restrizioni in vigore a Mosca in occasione della fine del digiuno nel mese di Ramadan. In particolare, “si raccomanda ai credenti di eseguire la preghiera a casa”.

Il dipartimento chiede che queste informazioni siano messe a disposizione dei musulmani attraverso i loro datori di lavoro e che i credenti siano informati sulla trasmissione online dei servizi. Si chiede di prestare particolare attenzione ai migranti in arrivo dall’Asia centrale.

Negli anni passati, la preghiera festiva si è svolta in sei luoghi della capitale: quattro moschee, oltre al Parco Sokolniki e al Centro tecnico sportivo. Le nuove raccomandazioni sono evidentemente legate all’attacco Isis al Crocus City Hall.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles