La new economy del vino dà lavoro a più di un milione di persone

Appena Pubblicati

Perché l’Atalanta può vincere lo scudetto

Tra certezze in campo, rivali e ritmo: l'Atalanta adesso sogna in grande, lo scudetto è possibile continua a leggere...

Regioni: “Obbligo mascherine in occasione di assembramenti”

Di Ugo Cataluddi e Marta Tartarini ROMA – “L'utilizzo di mascherine (mascherina chirurgica o dispositivo che conferisce superiore protezione come...

Berlusconi prepara il videomessaggio, Veltroni si scalda a bordo campo

ROMA – L'unica che con tenacia insiste, insiste e non molla, è la capa di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni:...

AGI – Dai cosmetici green fino ai prodotti alimentari innovativi, la new economy del vino dà lavoro a 1,3 milioni di persone. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti diffusa al Vinitaly special edition di Verona dove è stata allestita la prima esposizione dedicata a questo tipo di “nuovi esempi di business”.

Secondo uno studio della Coldiretti la raccolta di un grappolo d’uva alimenta opportunità di lavoro in ben 20 settori che vanno dall’agricoltura al vetro, dai trasporti al vivaismo, passando per enoturismo, editoria, informatic e laboratori di analisi.

“Una new economy di cui sono un esempio le birre di vino – rileva la Coldiretti – come quella fatta in Lombardia con il Moscato di Scanzo (una delle più piccole Docg d’Italia), a partire da mosto d’uva dopo appassimento, o con il moscato giallo, mentre in Sicilia nasce addirittura usando lo zibibbo. La star dei vini italiani all’estero, il Prosecco, rientra invece nell’affinamento di un pregiato formaggio nel Veneto dove si produce anche una squisita caramella all’Amarone“.

Ma si arricchisce sempre più anche la linea di prodotti del wine beauty, secondo l’analisi di Coldiretti Donne Impresa. Si va dagli esclusivi profumi ricavati dai vigneti di Soave in Veneto al Piemonte dove si producono crema viso e docciaschiuma partendo dalla Freisa d’Asti.

Vino, foglie di vite e parte dei semi dell’uva, i vinaccioli, ricchi di polifenoli, sono usati anche in Umbria per la creazione di una linea di bellezza, così come in Emilia Romagna si trasformano le uve in balsamo labbra anti-age, burro corpo e dopobarba.

Un pregiato fluido corpo viene ricavato in Friuli Venezia Giulia dal Merlot, e anche le vinacce dei “rossi” dell’isola d’Ischia, dal Piedirosso alla Guarnaccia, vengono usate per fare sieri anti age.

Shampoo al vino Rosso Piceno ed esfolianti viso corpo al Verdicchio dei Castelli di Jesi sono due esempi di cosmetici che nascono nelle vigne delle Marche. E anche dal Barbera e dalle altre varietà di vino coltivate sulle colline dell’Oltrepò Pavese oggi nascono anche creme per il corpo, fluidi dopobarba, saponette naturali, stick per le labbra e bagno doccia nutrienti.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA

Perché l’Atalanta può vincere lo scudetto

Tra certezze in campo, rivali e ritmo: l'Atalanta adesso sogna in grande, lo scudetto è possibile continua a leggere...

Regioni: “Obbligo mascherine in occasione di assembramenti”

Di Ugo Cataluddi e Marta Tartarini ROMA – “L'utilizzo di mascherine (mascherina chirurgica o dispositivo che conferisce superiore protezione come gli FFP2) a protezione delle...

Gol e gioco di squadra: perché Dzeko ha fatto dimenticare Lukaku

Dai numeri fino al gioco corale: ecco come Edin Dzeko ha fatto dimenticare Lukaku all'Inter continua a leggere sul sito di riferimento

Tg Politico Parlamentare, edizione del 2 dicembre 2021

COVID, LA GERMANIA ELOGIA L'ITALIA “Mi sentirei meglio se fossimo in una situazione come quella italiana”. La cancelliera Angela Merkel lancia l'allarme Covid in...

Potrebbe interessarti anche...