venerdì, 23 Febbraio , 24

Le Maire, appello per Unione dei mercati dei capitali volontaria

“Nel processo Ue ritardi inaccettabili, cominciamo con...

Fedrigoni, si espande negli Usa con acquisizioni carte speciali

Acquista alcuni asset della statunitense Mohawk. Terza...

Sudcorea, 2023 anno positivo per la cantieristica navale

I tre principali costruttori hanno visto utili...

Think tank nato da McKinsey suggerì a Cina politiche indigeste a Usa

Urban China Initiative propose rapporto stretto imprese-militari Roma,...

La montagna secondo Club Med: internazionale e raggiungibile

AttualitàLa montagna secondo Club Med: internazionale e raggiungibile

Un viaggio al Grand Massif Samoens Morillon in Alta Savoia

Ginevra, 8 feb. (askanews) – Un’idea di montagna che vuole essere raggiungibile, internazionale, con grande attenzione alle famiglie. E anche un modo di pensare il villaggio in un contesto naturale e sostenibile. Il Club Med Grand Massif Samoens Morillon, in Alta Savoia, è una struttura che si affaccia sul Monte Bianco dal versante francese e che punta molto sul suo essere vicina a un grande aeroporto, oltre che al Traforo.

“Siamo vicini a Ginevra – ha detto ad askanews il capovillaggio, Olivier Sanchez – in un’ora si può arrivare qui dall’aeroporto di Ginevra; siamo vicini all’Italia: il tunnel del Monte Bianco è a 45 minuti e qui siamo in un posto incredibile, perché siamo sulla cima di una montagna. Grand Massif è un resort di sci che è nel territorio di un villaggio, Samoens, che ha più di mille anni: noi siamo nella parte più alta, siamo quasi un castello sulla valle e abbiamo una vista a 360 grandi intorno a noi”.

La struttura è molto grande e il villaggio decisamente animato, ma l’architettura dialoga con la montagna in maniera interessante, sfrutta i dislivelli e riduce l’impatto, quasi mimetizzandosi nell’ambiente. La vita poi al suo interno è quella tipica dei villaggi, con attività, ristoranti, piscina, zona termale e spa. Fuori invece tanta neve, le piste da sci, ma anche le ciaspolate e le escursioni. Molte le famiglie di turisti, e tanta attenzione anche ai bambini, cui sono dedicati vari servizi. “Parliamo di bambini che vanno dai 3 mesi fino ai 17 anni – ha aggiunto Sanchez -. Abbiamo un’esperienza che parte dal 1967, Club Med è stata la prima compagnia a creare il MIniClub”.

Nei diversi spazi del Club Med si parlano molte lingue: si incontrano brasiliani e spagnoli, inglesi e russi. Tutto molto vivace, ma poi è anche possibile uscire e sentire il silenzio della montagna e la calma della neve. E lasciare che lo sguardo spazi lontano.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles