giovedì, 22 Febbraio , 24

Israele, Netanyahu con copia Mein Kampf in arabo: “Trovata a Gaza, così educano figli”

Dall'Italia e dal MondoIsraele, Netanyahu con copia Mein Kampf in arabo: “Trovata a Gaza, così educano figli”

(Adnkronos) – Il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu mostra in televisione una copia in arabo del Mein Kampf di Adolf Hitler trovata a Gaza: è così che “i nuovi nazisti” educano i loro bambini, ha affermato in una conferenza stampa, secondo quanto riferisce Times of Israel. 

“Non perdoneremo mai quello che Hamas ha fatto ai nostri figli”, “non c’è alternativa alla completa vittoria”, ha affermato. Il 7 ottobre, “se avessero potuto, ci avrebbero massacrato tutti”, se non distruggiamo Hamas “il prossimo massacro è solo questione di tempo”. 

Netanyahu ha definito “oltraggiosa” la richiesta del Sudafrica alla Corte internazionale di giustizia dell’Aja di processare Israele per genocidio. Il fatto che la Corte abbia accettato di pronunciarsi “prova che molti al mondo non hanno imparato la lezione dell’Olocausto”. “Noi l’abbiamo imparata – ha sottolineato – la principale lezione è che saremo noi stessi a difenderci”.  

Netanyahu ha accusato poi le famiglie degli ostaggi di “rafforzare le richieste di Hamas” con le manifestazioni a favore della liberazione dei loro cari. “Capisco che non possiate controllare le vostre emozioni, ma non è di aiuto e da quello che vedo ciò serve solo a rafforzare le richieste di Hamas”, ha detto ancora il primo ministro israeliano questa sera in conferenza stampa, riferendosi alle proteste dei parenti degli ostaggi. “Non c’è bisogno di incoraggiarmi, me ne occupo tutto il tempo. Non è di aiuto”, ha aggiunto, mentre migliaia di persone manifestavano a Tel Aviv per la liberazione degli ostaggi. 

Decine di persone, fra cui molti familiari di ostaggi, hanno protestao davanti alla residenza privata del primo ministro israeliano a Cesarea. I manifestanti, ha riferito il Times of Israel, mostrano le foto dei 136 rapiti ancora a Gaza, gridando lo slogan: “Riportateli a casa, ora!”. 

Netanyahu pensi “a riparare gli errori” del 7 ottobre, invece di “sgridare i parenti delle vittime”, ha replicato il Forum delle famiglie degli ostaggi a Netanyahu sulle manifestazioni. 

“Le famiglie incontrano i leader mondiali, guidano gli sforzi per il trasferimento di medicinali agli ostaggi, hanno portato in Israele il presidente della Corte penale internazionale e mobilitato i media e i principali influencer a sostegno di Israele e degli ostaggi”, ha affermato il Forum, citato da Times of Israel. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles