sabato, 13 Aprile , 24

Fuori “Sottosopra” nuovo singolo di Malika Ayane

Questo autunno si esibirà dal vivo con...

Sicilia, riaperta al pubblico l’Isola Bella di Taormina

Visitabile tutti i giorni, dalle 9 alle...

Gaza, il ‘progetto’ del genero di Trump: “Lungomare affare immobiliare”

Dall'Italia e dal MondoGaza, il ‘progetto’ del genero di Trump: “Lungomare affare immobiliare”

(Adnkronos) –
Jared Kushner, il genero di Donald Trump che è stato il suo principale consigliere per il Medio Oriente alla Casa Bianca, è convinto che il “lungomare di Gaza” abbia un potenziale “grande valore” immobiliare. E ritiene anche gli israeliani dovrebbero trasferire i civili palestinesi di Gaza in un’area del deserto del Negev. Il marito di Ivanka Trump, rampollo di una famiglia di immobiliaristi ebrei del New Jersey, ha rilasciato queste controverse dichiarazioni durante un intervento alla Harvard University nelle scorse settimane, riporta oggi il Guardian.  

“Le proprietà sul lungomare di Gaza potrebbero avere un grande valore se la gente fosse concentrata sul migliorare il proprio standard di vita”, ha detto Kushner rispondendo alle domande presidente della Middle East Initiative, il professore Tarek Masoud, lamentandosi di “tutti i soldi” che sono stati spesi a Gaza per la rete dei tunnel e le armi invece che per l’istruzione e l’innovazione. 

“Lì c’e’ una situazione un po’ disgraziata”, ha detto ancora, definendo in questi termini la guerra in corso da 5 mesi a Gaza che ha provocato oltre 30mila vittime ed ha ridotto la Striscia ad una disperata crisi umanitaria. “Ma dalla prospettiva di Israele io farei del mio meglio per far uscire le persone e ripulire”, ha aggiunto Kushner che quando ha mediato per l’amministrazione del suocero gli accordi di Abramo per la normalizzazione dei rapporti tra Israele e i Paesi del Golfo, ha bypassato la questione del futuro dei palestinesi.  

“Ma non credo che Israele abbia affermato che non vuole che le persone non possano tornare in seguito”, ha poi aggiunto Kushner, il quale però ha espresso la convinzione che Israele dovrebbe riuscire a far uscire i civili da Gaza, in particolare da Rafah e “con la diplomazia” riuscire a farli spostare in Egitto.  

Ma non si fermano qui i consigli di Kushner, che gettano una luce sul tipo di politica potrebbe adottare una futura nuova amministrazione Trump in Medio Oriente: “In aggiunta di questo, io azionerei i bulldozer nel Negev, e cercherei di spostare lì le persone, penso che questa sarebbe l’opzione migliore, così possiamo andare ora e finire il lavoro”. Un concetto che ha ribadito: “io penso che aprire ora il Negev, creare un’area sicura, spostare lì i civili e quindi andare e finire il lavoro sarebbe la cosa migliore”.  

Alla domanda se crede che Netanyahu non permetterà ai palestinesi fuggiti di tornare a Gaza, Kushner ha risposto: “forse”. Aggiungendo di “non essere sicuro che non ci sia molto rimasto a Gaza in questo momento”. Su una cosa comunque il genero di Trump è assolutamente certo: la realizzazione di uno stato palestinese è “un’idea superbamente cattiva che essenzialmente sarebbe un premio per un’azione terroristica”.  

 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles