venerdì, 23 Febbraio , 24

Fedrigoni, si espande negli Usa con acquisizioni carte speciali

Acquista alcuni asset della statunitense Mohawk. Terza...

Sudcorea, 2023 anno positivo per la cantieristica navale

I tre principali costruttori hanno visto utili...

Think tank nato da McKinsey suggerì a Cina politiche indigeste a Usa

Urban China Initiative propose rapporto stretto imprese-militari Roma,...

Gli Usa tornano sulla Luna dopo 52 anni, sbarcato il lander Odysseus

Primo allunaggio da parte di un’entità non...

Formazione e manifattura Made in Italy, riparte “Adotta una Scuola”

AttualitàFormazione e manifattura Made in Italy, riparte "Adotta una Scuola"

33 imprese e 38 scuole coinvolte nel progetto Altagamma-MIM

Roma, 2 feb. (askanews) – Giunge alla terza edizione Adotta una Scuola, il progetto Altagamma che mira a valorizzare la formazione e la manifattura del Made in Italy d’eccellenza, costruendo un rapporto virtuoso tra scuole tecnico-professionali e aziende del lusso italiano, per rispondere alle esigenze delle imprese che oggi formano e ricercano talenti manifatturieri. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e del Merito, rinnovata nel protocollo d’intesa firmato a Roma dal ministro Giuseppe Valditara e dal presidente di Altagamma, Matteo Lunelli, e finalizzato a “promuovere la cooperazione educativa tra scuola e manifattura dell’alto di gamma”. Il progetto ha inoltre ottenuto il patrocinio dalla Commissione Europea, e rientra – per l’anno scolastico 2023/24 – nelle attività dell’Anno Europeo delle Competenze (European Year of Skills), promosso dalla stessa Commissione.

“Fin dall’inizio del mio incarico mi sono posto l’obiettivo che la scuola garantisca agli studenti una formazione altamente qualificata, facilitando il loro ingresso nel mondo del lavoro. Il progetto ‘Adotta una scuola’ si inserisce alla perfezione in questo disegno e costituisce un valido supporto alla riforma degli istituti tecnici e professionali, che a partire da settembre prevederà in via sperimentale un percorso 4 + 2, un potenziamento delle attività laboratoriali, una forte internazionalizzazione e più spazio per l’alternanza scuola-lavoro”, ha dichiarato Valditara.

Secondo Matteo Lunelli, Presidente di Altagamma, “il saper fare manifatturiero è al cuore dell’eccellenza del Made in Italy ed è un patrimonio di competenze da tutelare, promuovere e tramandare alle future generazioni. Questa è una sfida strategica per tutto il comparto di alta gamma che può essere una locomotiva per la nostra economia, all’interno di un mercato mondiale cresciuto nel 2023 dell’8/10%. Per cogliere questa opportunità serviranno sempre nuovi talenti del fare di cui si avverte da anni la scarsità: nei prossimi anni il fabbisogno da parte delle aziende è stimato in 346.000 profili tecnico professionali, di cui solo il 50% sarà reperibile. Con Adotta una Scuola intendiamo dare un messaggio forte alle famiglie, affinché considerino anche questi percorsi professionali e, al contempo, vogliamo avvicinare il mondo della scuola e delle imprese, creando un legame più solido con gli istituti di riferimento supportandoli attraverso le competenze dei nostri Soci”.

Sono 9 i brand Altagamma che hanno aderito quest’anno per la prima volta al programma: B&B ITALIA, GESSI, HOTEL PRINCIPE DI SAVOIA, LEFAY RESORT & SPA LAGO DI GARDA, PORRO, PRADA, SANTONI, STONE ISLAND, VALENTINO. A questi si affiancano GRUPPO FLORENCE e LINEAPELLE, che testimoniano la rilevanza e validità di un progetto che si propone come modello virtuoso ed estendibile a livello europeo: una piattaforma aperta non solo alle Imprese Socie di Altagamma.

Inoltre, Brioni, Fendi, Gucci, Stellantis e Zegna hanno intrapreso la partnership con più di un Istituto portando a 38 il numero di scuole “adottate”, in 11 regioni italiane, per un totale – nei tre anni – di più di 120 classi attivate e oltre 2500 studenti. Sono quindi complessivamente 33 le Imprese coinvolte nel progetto, con i nuovi ingressi che si aggiungono ai brand già aderenti ad una o a entrambe le precedenti edizioni e che proseguono l’impegno per l’anno scolastico 2023/2024: Aurora, Benetti, Bottega Veneta, Brioni, Bulgari, Davines, Fendi, Ferragamo, Ferrari Trento, Feudi di San Gregorio, The Gritti Palace, Gucci, Herno, Isaia, Loro Piana, Masseria San Domenico, Moncler, Poltrona Frau, Pomellato, Stellantis, Technogym e Zegna.

Adotta una Scuola crea percorsi di formazione personalizzati e collaborativi fra scuole e imprese, che tendono a ridurre il divario tra domanda e offerta di profili tecnici e professionali, grazie a programmi didattici strutturati insieme più in linea con le esigenze delle aziende di alta gamma. Le attività all’interno dei programmi di Adotta di Scuola si estendono dalla macro-progettazione dell’anno scolastico (definizione dei contenuti e delle modalità formative) alla micro-progettazione (tutorship, predisposizione dei materiali didattici, visite aziendali, lezioni in classe da parte di tecnici ed esperti delle imprese, sessioni di laboratorio, stage, field project, fornitura di materiali per la produzione dei beni, formazione dei docenti).

La collaborazione è quindi formalizzata con una convenzione quadro specifica per ciascun abbinamento tra scuola e azienda, in cui sono definiti: numero e caratteristiche delle classi coinvolte, referenti per coordinamento e tutorship, contenuti e attività specifiche, impegni della scuola, dell’azienda e degli studenti. Il progetto Adotta una Scuola è sotto la supervisione del Presidente e CEO di Fendi, Serge Brunschwig, Consigliere di Altagamma con delega per lo Sviluppo del Capitale Umano e dei Talenti, e della Direttrice Generale, Stefania Lazzaroni.

IL FABBISOGNO DI PROFILI TECNICI E PROFESSIONALI DELL’ALTO DI GAMMA ITALIANO – Secondo lo studio Altagamma-Unioncamere pubblicato nel libro I Talenti del Fare 2, il fabbisogno di profili tecnici e professionali da qui al 2026 è stimato in 346.000 rispetto ai 236.000 del 2019. Un segnale ambivalente, che indica una criticità e al contempo la significativa crescita del mercato dell’alto di gamma mondiale, che ha registrato nel 2023 un incremento dell’8-10%%. Cresce dunque il fabbisogno di figure professionali manifatturiere, di cui però ad oggi solo il 50% riesce ad essere soddisfatto. Nel dettaglio saranno richiesti 108.000 profili nell’ Automotive, 94.000 nella Moda, 62.000 nell’Alimentare, 46.000 nel Design e Mobile e 36.000 nell’Ospitalità.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles