martedì, 5 Marzo , 24

Ue, cosa prevede l’accordo in trilogo sul regolamento imballaggi

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti...

Calcio, Sarri: “Niente è impossibile, serve coraggio”

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma,...

Regolamento sugli imballaggi, c’è l’accordo tra le istituzioni Ue

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve...

Metà italiani insoddisfatti della vita in casa, preoccupa quadro economico

Home report Ikea: tecnologia e sostenibilità vie...

De Sica e Sermonti gigolò mentre le donne scoprono una nuova sessualità

Video newsDe Sica e Sermonti gigolò mentre le donne scoprono una nuova sessualità

Su Prime dal 21 dicembre la serie “Gigolò per caso”

Roma, 13 dic. (askanews) – Cosa succede se un uomo che rispetta molto le donne ma non capisce molto della loro sessualità eredita il mestiere del padre, un cinico gigolò interpretato da Christian De Sica? Su Prime dal 21 dicembre nei sei episodi di “Gigolò per caso” diretti da Eros Puglielli si parla in chiave comica proprio di uomini confusi, donne con idee molto chiare e, soprattutto, di come sia cambiata e stia cambiando la nostra sessualità.Il protagonista è Pietro Sermonti, che scopre molte cose quando incontra le clienti del padre, interpretate da Gloria Guida, Isabella Ferrari e Virginia Raffaele. “Mi travesto e guardo un film con la vestaglia a casa di una signora, faccio l’idraulico, quindi mi piace che esista anche un’atmosfera di affetto e di calore umano che si trasmette, non solo con il sesso. Questo è il mio personaggio, lui invece..”.Molto meno inquadrati e inquadrabili sono invece i personaggi femminili interpretati da Ambra Angiolini e Asia Argento: una è la moglie del protagonista, l’altra la loro psicanalista. Le donne vogliono sperimentare e capire cosa veramente desiderano. “Secondo me anche le donne non sanno ancora benissimo cosa vogliono, perché per millenni non ci è stato permesso di esplorare quello che volevamo e di dirlo, quindi gli uomini anche poracci. Quindi questo secondo me è un periodo storico in cui le donne stanno studiando loro stesse la loro sessualità, con meno vergogna, meno timore”.”Beh, sai, per anni abbiamo pensato di essere delle donne poi etichettate in un certo modo, quindi abbiamo anche avuto paura di dire che tipo di piacere volevamo per paura che l’uomo ti etichettasse in qualche modo. Adesso mi sa che ce ne frega molto meno e quindi ci stiamo mettendo in un equilibrio interessante”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles