Con “Mondo senza sprechi” Milano salva oltre 260mila pasti

Appena Pubblicati

Perché l’Atalanta può vincere lo scudetto

Tra certezze in campo, rivali e ritmo: l'Atalanta adesso sogna in grande, lo scudetto è possibile continua a leggere...

Regioni: “Obbligo mascherine in occasione di assembramenti”

Di Ugo Cataluddi e Marta Tartarini ROMA – “L'utilizzo di mascherine (mascherina chirurgica o dispositivo che conferisce superiore protezione come...

Berlusconi prepara il videomessaggio, Veltroni si scalda a bordo campo

ROMA – L'unica che con tenacia insiste, insiste e non molla, è la capa di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni:...

AGI – Milano lotta contro lo spreco alimentare, dal 2017 in modo ‘organizzato’. E adesso è arrivato il riconoscimento internazionale: il progetto degli ‘Hub’ milanesi, è stato premiato dai duchi di Cambridge, William e Kate, con il loro Earthshot Prize, sulle migliori soluzioni per proteggere l’ambiente. Una ‘vittoria’ che porta con sé, oltre alla soddisfazione, anche un importante tesoretto: un milione di sterline e il supporto della Royal Foundation per i prossimi anni.

Oggi Milano ha 3 Hub di quartiere a Isola (2019), Lambrate (2020) e al Gallaratese (2021). Il progetto è nato da un’alleanza, quattro anni fa, tra Comune di Milano, Politecnico di Milano, Assolombarda, Fondazione Cariplo e il Programma QuBi’. La realizzazione del primo Hub ha poi coinvolto Banco alimentare della Lombardia e ha permesso di salvare oltre 10 tonnellate di cibo al mese, assicurando in un anno un flusso di 260.000 pasti equivalenti, che hanno raggiunto 3.800 persone, grazie al contributo di 20 supermercati, 4 mense aziendali e 24 enti del Terzo settore.

A seguire, è stato avviato l’Hub di Lambrate, subito dopo il primo lockdown nella primavera 2020, gestito sempre da Banco alimentare della Lombardia in uno spazio messo a disposizione da AVIS Milano e con il contributo di BCC Milano. Il terzo Hub, al Gallaratese, è gestito da Terre des Hommes con il contributo di Fondazione Milan.

Il prossimo, in fase di progettazione, sarà l’Hub di quartiere contro lo spreco alimentare del Corvetto, con la gestione del Banco Alimentare della Lombardia e il contributo della Fondazione Snam; mentre per aprirne un quinto il Comune di Milano ha recentemente avviato il tavolo di coprogettazione per l’Hub del Centro.

Il progetto coinvolge note insegne della grande distribuzione tra cui Lidl Italia, Esselunga, Carrefour, NaturaSi, Erbert, Coop Lombardia, Il Gigante, Bennet, Penny Market con il supporto di Number1 Logistics Group che ha fornito i furgoni dotati di cella frigorifera, per gli Hub di Isola e Lambrate. E non finisce qui: il Comune di Milano ha inoltre lanciato l’iniziativa Foody zero sprechi per replicare il modello degli hub anche all’Ortomercato e recuperare il cibo fresco.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA

Perché l’Atalanta può vincere lo scudetto

Tra certezze in campo, rivali e ritmo: l'Atalanta adesso sogna in grande, lo scudetto è possibile continua a leggere...

Regioni: “Obbligo mascherine in occasione di assembramenti”

Di Ugo Cataluddi e Marta Tartarini ROMA – “L'utilizzo di mascherine (mascherina chirurgica o dispositivo che conferisce superiore protezione come gli FFP2) a protezione delle...

Gol e gioco di squadra: perché Dzeko ha fatto dimenticare Lukaku

Dai numeri fino al gioco corale: ecco come Edin Dzeko ha fatto dimenticare Lukaku all'Inter continua a leggere sul sito di riferimento

Tg Politico Parlamentare, edizione del 2 dicembre 2021

COVID, LA GERMANIA ELOGIA L'ITALIA “Mi sentirei meglio se fossimo in una situazione come quella italiana”. La cancelliera Angela Merkel lancia l'allarme Covid in...

Potrebbe interessarti anche...