sabato, 13 Aprile , 24

Arabia Saudita, un volo in mongolfiera per la festa della mamma

Le proposte Visit Saudi per la destinazione...

Sicilia, Schifani: Moody’s alza il rating della Regione

“Premiato percorso di risanamento dei conti” Roma, 12...

8 marzo, le donne di Gaza fabbricano pannolini artigianali per i loro bimbi

Video news8 marzo, le donne di Gaza fabbricano pannolini artigianali per i loro bimbi

Maissaa ad ActionAid: non sono un’eroina, abbiamo bisogno di forniture

Gaza, 8 mar. (askanews) – A Gaza, dopo la ripresa del conflitto tra Israele e i miliziani palestinesi di Hamas, in un ex centro di formazione, Maissaa, una istruttrice di taglio e cucito, ha dato vita a una produzione di pannolini a basso costo per i bimbi delle madri sfollate e della sua comunità. La guerra ha creato una crisi umanitaria in cui i beni di prima necessità sono difficili da trovare o sono disponibili solo a prezzi enormemente gonfiati. I pannolini per i bimbi scarseggiano e le madri, molte delle quali sono state sfollate più volte, si trovano a dover prendere decisioni difficili mentre si occupano dei loro piccoli. Pe questo, si è reso necessario trovare delle soluzioni alternative a basso costo.”Abbiamo iniziato a produrre i pannolini utilizzando il materiale delle mascherine per il Coronavirus – ha spiegato Maissaa, intervistata da ActionAid – ma ci siamo resi subito conto che era troppo ruvido per la pelle sensibile dei bambini. Allora abbiamo parlato con un commerciante che ci aveva portato dei rotoli di pannolini a guscio, ne abbiamo comprato una quantità limitata e così abbiamo aperto questo laboratorio, acquistando anche cotone e garza medicale per produrre i pannolini”.Prima dell’inizio del conflitto di Gaza, Maissaa lavorava nel centro di formazione che offriva corsi gratuiti di cucito a donne e ragazze del posto e, quando si è reso necessario, ha deciso di mettere le sue conoscenze al servizio della persone più bisognose. Ma non è semplice…”Ogni singolo pannolino ci costa 7 shekel (1,79 ) ma li vendiamo a prezzi molto più bassi, appena 1 shekel (0,26 ), il guadagno serve solo coprire i salari dei nostri lavoratori”. Per far fronte all’elevata domanda, la fabbrica ha ampliato il suo team, dando lavoro a persone sfollate durante la guerra. Ma la mancanza di materie prime sta creando serie difficoltà.”Purtroppo – ha spiegato Maissaa – mancano quasi tutte le forniture. Prendiamo gli elastici dalle tute usate per il Covid. Anche l’adesivo viene dalle tute. Mancano anche i fili per cucire e le forbici e non abbiamo nemmeno la corrente. Abbiamo un generatore che funziona a gas ma quando questo manca il nostro lavoro si ferma per mancanza di scorte. Per esempio, abbiamo dovuto interrompere il lavoro perché non avevamo elastici. Senza forniture non c’è lavoro per noi, abbiamo bisogno di un fornitore di materie prime”. “Possiamo produrre solo 500-700 pannolini al giorno – ha concluso la giovane donna – ma abbiamo bisogno di più macchine e di fondi per assumere più persone. In questo modo potremo produrne di più. Dicono che se fai del bene, riceverai del bene. Tutto il bene che facciamo ci tornerà indietro per volontà di Allah. Non mi considero un’eroina. Sono solo una persona normale, aiutiamo il più possibile e Dio può vedere il nostro lavoro. Tutti abbiamo bisogno dell’aiuto e del sostegno degli altri; io faccio solo la mia parte”. (Immagini ActionAid)

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles